Ristorante gaute la nata

RISTORANTE GAUTE LA NATA

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Il ristorante “Gaüte La Nata” s’inserisce nel centro storico di Sauze d’Oulx, famosa località sciistica della Val di Susa.
Al locale si accede attraverso due ingressi: quello principale, affacciato sulla piazza antistante ed uno secondario aperto su una delle vie adiacenti. L’ingresso principale è sottolineato dalla pensilina in acciaio e legno che integra anche parte dell’illuminazione esterna, risolta dall’abbinamento di tre faretti incassati e di corpi illuminanti a parete che producono un effetto “wall-washer”. Ciò ha permesso di caratterizzare il locale, rendendolo immediatamente riconoscibile, senza alterare la preesistente connotazione del sito. Una certa semplicità compositiva, unita alla ricerca di equilibrati contrasti cromatici e materici, hanno guidato anche la progettazione degli interni.

La porta d’ingresso, in legno e vetro, immette direttamente nella sala riservata al pubblico: il dislivello tra la piazza e l’interno del locale è superato con gradini sagomati in legno che si alzano dal pavimento in pietra nera. L’ambiente si articola attorno all’elemento centrale costituito dal bancone in legno, acciaio e vetro, concepito come una composizione di portali. Tale elemento si pone inoltre come un vero e proprio filtro tra la zona destinata alla consumazione dei pasti e la zona dei servizi (tutti localizzati nella fascia dietro al bancone): servizi igienici per il personale, dispensa e cucina.

Le pareti della sala, sono caratterizzate da una differente finitura: la parete sulla quale si aprono le finestre e quella della zona di servizio sono rivestite con tavole di legno (essenza olmo americano) di differente sviluppo lineare, disposte in base all’alternanza di tre moduli di altezza. La boiserie così realizzata, è “alleggerita” da delle cavità entro cui sono inseriti corpi illuminanti, ed integra anche un originale espositore – portabottiglie in acciaio e vetro, realizzato su disegno. L’altezza delle tavole di legno trova continuità nelle campiture colorate (nero, arancio, tortora e sabbia) che definiscono le altre pareti.
Ad eccezione delle sedie, tutti gli elementi di arredo sono stati realizzati su disegno: le panche, sono in legno con seduta in finta pelle nera. La zona delle panche e dei tavoli è definita superiormente da un controsoffitto in cartongesso (tinteggiato nero) tagliato dalla scanalatura che ospita l’illuminazione diretta sui tavoli in legno e acciaio.

L’accesso al locale igienico per il pubblico, individuato su uno dei lati del bancone, avviene attraverso la porta in vetro satinato aperta sulla parete opposta a quella d‘ingresso, realizzata con il medesimo materiale. La continuità compositiva è dichiarata attraverso il piano in acciaio che si estende dal mobile di servizio fino a comprendere il lavello: la parete in vetro, che in tale zona è stata raddoppiata per poter integrare l’illuminazione, risulta dunque essere “perforata” ed attraversata da tale elemento metallico. Il rivestimento delle pareti e del controsoffitto dell’anti-bagno riprende quello della sala. L’impiego di materiali tipici della tradizione montana, unita ad un design contemporaneo ed all’utilizzo di toni caldi per le campiture colorate hanno permesso di realizzare un ambiente particolarmente accogliente in cui gustare prodotti locali in un’atmosfera da “lounge-bar”.

Ti è piaciuto un oggetto presente nelle lavorazioni? VISITA LO SHOP!

CREDITS:
Progetto e direzione lavori: arch. Massimiliano Longanizzi

Ti è piaciuto un oggetto presente nelle lavorazioni?

VISITA LO SHOP! Contattaci Ora